Social marketing per aziende venete: perché usare gli annunci?

Scritto da Sara Artuso in data 13 set, 2016

Aprire un profilo social per la tua azienda è gratis, certo. Ma i risultati non arrivano gratis: per trarre il massimo da questi strumenti e raggiungere i nuovi contatti giusti per i tuoi prodotti Made in Veneto all'estero, devi o investire tempo per creare contenuti di qualità, o pagare per fare una pubblicità mirata.

Perché fare business con le social media ads

Secondo una statistica di emarketer, tra il 2014 e il 2015 la pubblicità sui social è aumentata del 40,8%, per un totale mondiale di 25 miliardi di dollari spesi. Se questa tendenza si mantiene invariata, nel 2017 i miliardi diventeranno 41. Cioè il 18% di quanto si spende in pubblicità digitale in tutto il mondo.

Perché queste aziende - sia del B2C che del B2B - hanno scelto di fare pubblicità in questo modo?

Ci sono 4 buone ragioni:

  • raggiungi chi non ti conosce: se una persona non segue la tua pagina sui social - o non interagisce mai con te, mettendo “Mi piace” o commentando -, puoi raggiungerla solo attraverso la pubblicità a pagamento;
  • punti ad un pubblico mirato: le ads ti permettono di restringere le persone che vuoi raggiungere, filtrandole per provenienza, età e interessi;
  • costa meno della pubblicità tradizionale: ovviamente varia in base al numero di persone a cui vuoi rivolgerti, ma un annuncio su Facebook, ad esempio, può costare anche pochi Euro. Né giornali, né radio e tantomeno la televisione sono così economici;
  • puoi analizzare i risultati: una campagna di ad ti indica quante volte è stata mostrata e chi ha cliccato sull’offerta o contenuto. Quindi ti fornisce dati reali sul successo della campagna - mentre nessuno strumento pubblicitario tradizionale può farlo.

Si tratta di ottime opportunità per le aziende venete, che sono per la stragrande maggioranza di piccole e medie dimensioni (su circa 400.000, sono più di 399.000), e quindi hanno risorse insufficienti per utilizzare la pubblicità tradizionale. Possono però permettersi di fare pubblicità a pagamento sui social network. Ma quali sono quelli che offrono questa opzione?

Social marketing per aziende a pagamento: i principali network che lo permettono

Eccoli qui:

  • Facebook: è il social network con il pubblico più ampio (1,71 miliardi di utenti), ti permette di restringere molto il target, di testare l’opzione migliore e di spendere molto poco per raggiungere le persone giuste. Inoltre, in base all'obiettivo che vuoi raggiungere (aumentare visite al sito, far crescere il numero di fan della pagina, etc.), ti offre diversi tipi di annunci. Resta comunque legato principalmente al B2C, perché non puoi puntare alle persone in base al loro ruolo o settore aziendale;
  • LinkedIn: il modo migliore per rivolgersi a professionisti, e quindi per avere dei contatti più rilevanti che cliccano sull’annuncio, perché puoi filtrarli per settore, tipo di azienda, ruolo nell’impresa, numero di impiegati e molto altro. Lo svantaggio è che le campagne su questo social sono molto costose (ogni click costa più di 1 Euro), vero è che punti a persone molto più vicine al tuo prodotto: fai una pubblicità più mirata rispetto a Facebook, quindi hai più possibilità di raggiungere qualcuno di interessato;
  • Twitter: grazie agli hashtag, qui potete inviare annunci soltanto a chi è interessato a un certo argomento. Anche qui, hai diversi annunci a disposizione, a seconda del risultato che vuoi ottenere;
  • Instagram: è il più popolare tra le giovani generazioni - i Millennials -, quindi rappresenta un'ottima soluzione per promuovere capi d'abbigliamento e cibo. Inoltre, lo gestite da Facebook, quindi usate esattamente gli stessi strumenti. Ma allo stesso tempo significa che state pagando per annunci a un pubblico che ha un limitato potere d'acquisto, e l'immagine deve essere pensata per dispositivi mobili.

In questa lista, ricordati di scegliere non solo in base alla popolarità del social network, ma in base alla piattaforma social dove trovi il tuo pubblico. Ad esempio, i dati raccolti da Social Media Examiner mostrano che il B2C usa gli annunci su Facebook più del B2B (89% contro 75%).

Insomma, la pubblicità a pagamento sui social network è fondamentale per le aziende che puntano all'estero e che vogliono dare maggiore visibilità ai propri prodotti. Basta trovare il target e il budget giusti e scegliere il social più adatto.

Trovare cienti all'estero per il Made in Italy

Vuoi approfondire questo argomento? Ti suggerisco questi articoli:

Argomenti: #socialmedia, #internazionalizzazione