Come si usa Houzz per raccontare un progetto d'arredo

Scritto da Sara Artuso in data 30 nov, 2016

Gestisci i social dell’azienda d’arredo per cui lavori, ma proprio non vanno. I fan sono anche tanti, eh, ma non sembrano interessati: pochi “Mi piace”, quasi nessun commento, pochissimi che ti contattano. Forse ti ha addirittura sfiorato l’idea che i social media, per l’arredamento, non servano poi a tanto.

Calma, calma. E se ti dicessi che c’è un social network proprio per il tuo settore?

Un social network per raccontare un progetto d’arredo con le foto

A volte la spiegazione è molto semplice: forse non stai pubblicando quello che i tuoi fans si aspettano. Forse Facebook non è il social giusto per pubblicare le foto della nuova cucina creata dai tuoi artigiani, o delle tue sedie scelte da un albergo di lusso.

Sappiamo che scegliere dove aprire un profilo social aziendale non è facile: per questo abbiamo pensato a una guida per aiutarti a trovare i social media giusti per la tua azienda, che puoi scaricare qui.

La guida ti mostrerà che Facebook non è l’unica soluzione. E infatti un social network più adatto per pubblicare solo le foto dei tuoi prodotti e progetti esiste.

Eccome se esiste: si chiama Houzz. E per la tua azienda d’arredo può fare molte cose. Aiutarti ad aumentare i tuoi contatti, giusto per dirne una.

Cosa offre Houzz in più rispetto ad altri social media

Cosa trova un utente su Houzz? Più di 12 milioni di foto di case, arredamenti, giardini e tutto ciò che ci ruota intorno. Ma è solo questo che lo rende un social specifico per l’arredo? Certo che no.

Qui ci sono anche i proprietari delle abitazioni - più di 40 milioni - e professionisti di tutti i settori legati alla casa - più di 1 milione. Perché così tanti lo hanno scelto? Quali vantaggi ha?

Addirittura 6.

1. Contattare le aziende è semplicissimo

Un utente che vede la foto del tuo prodotto può contattarti subito, oppure salvarla per quando sarà pronto all’acquisto. Chi vuole comprare un qualsiasi elemento d’arredo ha infatti bisogno di una cosa: tempo.

Permettere ai tuoi potenziali clienti di salvare i tuoi progetti e contattarti solo al momento giusto è quindi fondamentale.

Per chi ha già le idee chiare, invece, c’è il pulsante “Contatta” che compare sulla pagina di ogni fornitore.

2. Permette di fare una ricerca tra i professionisti del settore

Gli utenti possono vedere quali sono, ad esempio, gli esperti in piastrelle della propria zona, consultare il portfolio di ciascuno per capire qual è il suo stile e contattarlo con un semplice clic.

Risulta quindi utilissimo anche per le aziende che operano a livello locale e per il B2C.

3. È possibile cercare prodotti specifici

In ogni foto puoi inserire tag specifici che descrivano il prodotto, come “libreria a muro”. Ciò significa che sarà ancora più facile trovare i tuoi prodotti.

Non solo. Diciamo che hai collaborato con un interior designer per un progetto contract: potrai chiedergli di indicare i tuoi prodotti tra quelli che compaiono nella foto. Chi la vede e cerca più informazioni sul lampadario che mostra, ad esempio, dovrà semplicemente cliccare sull’etichetta verde e troverà tutti i dettagli che cerca.

Houzz-Transformed Living Rooms-Etichetta.jpg

Non ci sono altri social network che offrono questa possibilità. Certo, mostrano le foto dei tuoi progetti contract, ma per trovare più informazioni sul tuo prodotto devono prima arrivare sul sito aziendale.

4. Puoi vedere quanti hanno salvato le tue foto

Houzz permette sia alle aziende, sia agli utenti di vedere quanti hanno salvato una foto nei loro Ideabooks. Questi sono delle cartelle in cui conservare tutte le immagini interessanti che un utente incontra.

Alle aziende questa caratteristica è utile per capire quanto sono interessanti i loro prodotti e se qualcuno ha bisogno di una promozione diversa.

5. Puoi raccogliere tutto il tuo portfolio in un unico spazio

Né il sito aziendale né nessuna rivista cartacea ti permettono di pubblicare tutte le foto di tutti i tuoi progetti. Ma Houzz sì, perché il suo scopo è dare alle persone un’idea molto precisa di ciò che fai.

Potrai quindi mostrare tutti i progetti realizzati da te e quelli in cui compaiono i tuoi prodotti, e gratis!

6. I tuoi clienti possono lasciare le loro opinioni

Non come commenti alle foto ma direttamente sul profilo della pagina, quindi visibili a tutti i nuovi potenziali clienti. E non c’è niente di meglio che presentare la tua azienda attraverso le voci dei clienti.

Più recensioni hai, poi, più risulti visibile tra le ricerche. Quindi non averne paura, anzi! Invita i tuoi clienti del passato a recensirti: vedrai che saranno ben contenti di farlo.

In sintesi: perché Houzz è utile alle aziende d’arredo

Tutto chiaro? I punti in più di Houzz sono sicuramente il rispetto della lunghezza dei processi d’acquisto nel mondo dell’arredo e la facilità nel contattare i fornitori. Per un’azienda queste caratteristiche sono di vitale importanza, perché fa sì che i potenziali clienti si ricordino di loro.

Altri social dove puoi pubblicare immagini non permettono infatti di scrivere direttamente all’azienda (Pinterest) o di salvare immagini in cartelle organizzate (Facebook). E in più, non mostrano solo notizie e immagini relative all’arredamento: la lotta per guadagnarsi l’attenzione del pubblico è veramente all’ultimo sangue.

Su Houzz, invece, devi solo lottare contro altre aziende del tuo settore, cioè la concorrenza. Eh! Proprio una bazzecola.

Tira pure un sospiro di sollievo: un modo per essere più visibile c’è.

Come dare più visibilità ai prodotti e all’azienda con Houzz

Magari stai pensando: “Be’, sembra semplice: carico un po’ di immagini ad alta risoluzione, aggiungo un po’ di testo a ognuna e poi lo lascio lì. E sono a posto”. Altolà! No, non basta.

Se vuoi che sempre più persone vedano i tuoi prodotti, e quindi aumentare i contatti, devi pubblicare regolarmente nuovi contenuti. Regolarmente.

Questo è il punto di partenza, la tua conditio sine qua non. Ma c’è altro che puoi fare per raggiungere un pubblico più ampio:

  • crea un profilo completo: non lasciare le cose a metà, completa tutto quello che Houzz ti chiede in fase di creazione della pagina. E non cercare di fare il furbo: perderesti visibilità, perché Houzz premia, tra i risultati di ricerca, i profili più completi;
  • scegli solo foto di altissima qualità: niente immagini sfuocate o fatte con lo smartphone. Con la foto ti giochi tutto: devi usarla per catturare l'attenzione dell'utente;
  • in ogni foto, inserisci tag usando il linguaggio dei clienti, non termini tecnici da guru del settore: è più probabile che i tuoi potenziali clienti cerchino “mobili laccati” che “mobili laccati a poro chiuso”. Quindi, prima di scegliere le parole chiave, fai qualche domanda al tuo ufficio vendite e ai rivenditori, per sapere quali usa la maggior parte della gente;
  • specifica l'area geografica in cui lavori: Houzz dà la priorità ai fornitori più vicini all'utente. Quindi quando inserisci le parole chiave nei tuoi progetti, aggiungi anche riferimenti geografici, come "piastrelle Roma";
  • accompagna ogni immagine con brevi testi e link al tuo blog aziendale per approfondire: brevi ma accurati, non un semplice elenco di specifiche tecniche;
  • riunisci le foto di un progetto in un unico Ideabook: chi ne trova una potrà anche navigare tra le altre che hai inserito nella stessa cartella virtuale. Ma puoi anche inserire foto di altri, ad esempio dell’architetto con cui hai collaborato: questo aiuterà Houzz a inserirti tra risultati di ricerca simili a te;
  • chiedi ai tuoi clienti di pubblicare una recensione sulla tua azienda in Houzz: più recensioni uguale più visibilità per le tue foto;
  • rispondi alle domande dei proprietari, non solo sui tuoi prodotti, ma anche su dubbi relativi al settore in cui operi;
  • contatta altri professionisti, architetti e interior designer con cui hai collaborato o vorresti collaborare;
  • inserisci un link al tuo profilo Houzz anche sul sito web aziendale.

Il succo del discorso

Houzz è un utilissimo social network per le aziende del settore arredo, che hanno bisogno di promuovere le foto dei loro progetti e prodotti, accompagnate però da una descrizione dei dettagli.

Soprattutto, ogni sua foto mette in collegamento diretto proprietari di case e fornitori. Nessuna perdita di tempo.

Per la vostra azienda forse sarà sufficiente solo questo social. Ma se cercate un pubblico più ampio, soprattutto all’estero, o avete bisogno di condividere altri contenuti, forse Houzz non vi basterà. Come scegliere quello giusto, allora? Con questa guida.
Guida gratuita social media settore arredamento

Abbiamo pensato che potrebbero interessarti anche questi articoli:

Argomenti: #socialmedia, #arredo